Panismo

“Poiché ancora in noi la natura simpatica persiste poiché la nostra vecchia anima abbracciata dalla grande anima naturale palpita ancora

Leggi tutto

Culto della Bellezza

“Gli uomini d’intelletto, educati al culto della Bellezza, conservano sempre, anche nelle peggiori depravazioni, una specie di ordine. La concezion

Leggi tutto

Menzogna

“A poco a poco, in Andrea la menzogna non tanto verso gli altri quanto verso se stesso divenne un abito

Leggi tutto

Natura

“Un merlo si mise a fischiare tra gli alberi. Ne’ rosai qualche rosa sfogliava e disperdevasi nel vento. Alcune nuvole

Leggi tutto

Vacuità dell’essere

“Talvolta anche gli pareva d’esser ridotto al nulla; e rabbrividiva innanzi ai grandi abissi vacui del sue essere: di tutto

Leggi tutto

Il profumo della notte

“Perché di notte i profumi hanno nella loro onda qualche cosa che parla, hanno un significato, hanno un linguaggio? No,

Leggi tutto

Sguardo

E Andrea Sperelli continuava a tentarla, sempre con un tono di scherzo o di preghiera, unendo alla seduzione della sua voce uno sguardo continuo, sottile penetrante, quello sguardo indefinibile che sembrava svestire le donne, vederle ignude a traverso le vesti, toccarle su la pelle viva. [more…]

Leggi tutto

Le rose

Più sopra, su la sporgenza del caminetto, da una delle coppe cadevano foglie d’una grande rosa bianca che si disfaceva a poco a poco, languida, molle, con qualche cosa di femminino, direi quasi di carnale. Le foglie, concave, si posavano delicatamente sul marmo, simili a falde di neve nella caduta. [more…]

Leggi tutto

D’Annunzio: una vita tra sfarzo e mistero

D’Annunzio: una vita tra sfarzo e mistero Giordano Bruno Guerri pubblica “La mia vita Carnale” (Mondadori). Come viveva davvero D’Annunzio

Leggi tutto