FEDERICA MUSTO

Classe 1992, mi sono laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione  per poi iscrivermi alla magistrale di Editoria, Comunicazione e Moda – Facoltà di Lettere e Filosofia – all’Università Statale di Milano.

Che dire di me?

Prima di tutto, che sono due le passioni che mi guidano da sempre nella vita: i PERCHÈ delle cose e le COSE BELLE.

Credo, infatti, che capire il funzionamento del mondo e apprezzarne la bellezza siano le due facce del medesimo modo di affrontare la vita: con interesse e dedizione. Non che sia una strada semplice. La curiosità ti porta spesso ad andare a sbattere contro la porta che ti è stata appena chiusa sul naso, mentre la bellezza… beh, la propensione a correre dietro alla bellezza comporta per lo più l’intensificarsi e il raddoppiarsi di ogni tuo sforzo. Non solo il bisogno di capire, ma il continuo desiderio – potremmo chiamarla quasi una vocazione – di inseguire quella bellezza in ogni suo giro di forma e colore.

Un viaggio infinito, insomma. Perché la bellezza va scovata e poi va ascoltata. E per capirla, per comprenderla davvero, bisogna assaporare con attenzione ogni nuova storia che ha da raccontare.

Nietzsche nella sua Nascita della tragedia diceva che l’arte è sempre partecipata di due anime. La prima, quella che egli chiama l’Apollineo che ne esprime la forma graziosa; la seconda, il Dionisiaco, che ne rivela invece la passione, il pathos che la muove – per dirla un po’ alla greca. Dietro ogni cosa bella ci sarebbe dunque un sintomo, un momento nascosto, un problema o un indovinello.

Un perché, come amo chiamarlo io.

Ecco dunque i due lati di questa mia medaglia, del mio punto di vista sul mondo.

Ciò che intendo fare con questo sito è perciò aprire una porta, una piccola via d’accesso a chiunque  volesse seguirmi in questo mio – spero interessante – viaggio.

Amo l’ARTE in ogni sua forma, perché dimostrazione della bellezza che l’uomo è capace di creare. Amo la NATURA e quelle meraviglie che è in grado di donare. E amo SCRIVERE. Perché sono convinta che, in questo mondo disastrato, fino a quando qualcuno continuerà a scrivere, qualcun altro continuerà a leggere. E si manterrà vivo il piacere di PENSARE.

Dunque scriverò d’arte, di vita e di bellezza. Mi porrò dei perché e tenterò di dare una risposta. E lo farò qui, pubblicamente, cosicché chiunque ne avesse voglia possa seguirmi, o meglio ancora: camminare con me.

Perché è inutile dirlo: viaggiare è meraviglioso, ma farlo con qualcuno è ancora meglio.


QUI un articolo che illustra cosa penso del giornalismo.

3 risposte

  1. Visto che condividiamo la passione per l’arte, ti raccomando ad occhi chiusi il film di cui ho parlato in questo mio post: http://wwayne.wordpress.com/2014/02/16/capolavoro/. : )

Lascia un commento